James Simon e la Nofretete

Per la vostra prossima visita di Berlino non possiamo che consigliarvi di andare a visitare il “Neues Museum”, superbamente ristrutturato da David Chipperfield. Un’architettura eccezionale che ha saputo preservare e oseremmo quasi dire arricchire quella originale di Stüler.

Cuore del museo è il busto della regina egiziana Nofretete. Un busto di una bellezza senza età, quasi perfettamente conservato, con colori brillanti e armoniosi. Le labbra sono rosse e carnose, gli occhi seri e pensosi sono dipinti di nero, ma quel che più sorprende sono le piccole rughe che addolciscono il viso della regina.

Soprattutto perché Nofretete, sposa del faraone Akhenaton e madre del famosissimo Tutanchamon, veniva venerata come una dea dai suoi sudditi. Quindi le rughe erano parte dell’ideale di bellezza e di saggezza di questa grande donna…

Un tesoro senza età che non arrivò a Berlino grazie a scavi finanziati dalla casa reale degli Hohenzollern, come si potrebbe pensare. Fu un cittadino privato, James Simon, a finanziare tutti gli scavi all’inizio del ventesimo secolo e poi a donare i reperti ai musei statali.

Un cittadino privato. Ebreo. Che come tanti altri ebrei tedeschi ha voluto dare un contributo allo stato e a quella che sentiva essere la sua patria. Perché gli ebrei tedeschi spesso si sentivano più tedeschi dei tedeschi.

E proprio dietro il Neues Museum probabilmente noterete un cantiere, direttamente sul fiume. Stanno mettendo le fondamenta di un nuovo edificio, che andrà a fare da ingresso per tutta l’isola dei Musei. Le fondamenta di quella che sarà… la “James Simon Galerie”.

 

 

Posted in Arte, Berlino ebraica and tagged , , .

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>